Pagine : (4) 1 [2] 3 4   ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Emergency
 
Skizzett@
Inviato il: Domenica, 10-Set-2006, 14:18
Quote Post


Alì el Magrebì
***



Messaggi: 453
Utente Nr.: 5
Iscritto il: 12-Lug-2006



QUOTE (Anto 14 @ Sep 7 2006, 08:49 PM)
ho comprato il diario!!
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

bravo!
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

cmq secondo me questa cosa che in sardegna praticamente mancano i banchi di emergency si dovrebbe fare presente.
cavolo, già l'informazione su quest'associazione è praticamente assente... se poi loro cominciano a non farsi vedere in certe zone...
potremmo vedere se nel sito c'è un indirizzo e mail...
PMEmail PosterMSN
Top
 
TanK
Inviato il: Lunedì, 11-Set-2006, 07:17
Quote Post


Gato Lopez
*******



Messaggi: 7096
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 22-Giu-2006



...chi è interessato potrebbe anche iscriversi ad Emergency e farlo lui/lei il banchetto.. si può fare no?
PMEmail Poster
Top
 
Anto 14
Inviato il: Sabato, 16-Set-2006, 16:42
Quote Post


Colega
******



Messaggi: 4605
Utente Nr.: 17
Iscritto il: 30-Lug-2006



non saprei.....
PMEmail PosterMSN
Top
 
Iris_87
Inviato il: Sabato, 16-Set-2006, 17:38
Quote Post


Colega
******



Messaggi: 2374
Utente Nr.: 4
Iscritto il: 12-Lug-2006



QUOTE (Tanky @ Sep 11 2006, 06:17 AM)
...chi è interessato potrebbe anche iscriversi ad Emergency e farlo lui/lei il banchetto.. si può fare no?

Io e una mia amica ci stavamo pensando...Però non è una cosa così semplice...E' una responsabilità che va presa a tempo pieno
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
 
jaquelinho87
Inviato il: Sabato, 05-Set-2009, 11:05
Quote Post


Gato Lopez
*******



Messaggi: 6772
Utente Nr.: 121
Iscritto il: 02-Mag-2007



Milano, l'addio a Teresa Sarti Strada
fondatrice e presidente di Emergency

A salutarla ci saranno amici, simpatizzanti, sostenitori, volontari, oltre agli uomini e alle donne di spettacolo e di cultura che hanno in questi anni lavorato anche per portare risorse all’organizzazione umanitaria, da 15 anni attiva sui fronti di guerra di mezzo mondo, dall’Afghanistan al Ruanda
di Zita Dazzi

Teresa StradaUna cerimonia laica, come voleva lei. Con un grande palco, tanta gente che ascolta e che vuole stare assieme, con gli amici di sempre che raccontano, che cercano di descrivere l’avventura straordinaria che Teresa Sarti Strada ha percorso in tutta la sua vita e nei lunghi anni trascorsi al fianco del marito Gino Strada. Ci sarà tutto il popolo di Emergency, oggi, fuori e dentro alla sala Alessi, all’Arena civica. Amici, simpatizzanti, sostenitori, volontari, oltre agli uomini e alle donne di spettacolo e di cultura che hanno in questi anni lavorato anche per portare risorse all’organizzazione umanitaria, da 15 anni attiva sui fronti di guerra di mezzo mondo, dall’Afghanistan al Ruanda.

E poiché Teresa Strada col suo lavoro, il suo impegno civile e la sua passione è diventata negli anni una figura pubblica, grazie alla quale Emergency ha avuto anche l’Ambrogino d’oro, il Comune ha voluto concedere una sede pubblica per la camera ardente di quella donna dagli occhi dolci e la grande massa di capelli rossi, morta martedì, nella sua casa milanese, dopo una lunga malattia. La camera ardente, nella sala Alessi dell’Arena, con ingresso da viale Byron 2, aprirà alle 9 del mattino. E c’è da giurare che saranno in molti a volerle dare l’ultimo saluto. Poi alle 17, il funerale pubblico, con le orazioni degli amici sul palco lungo dieci metri, che ieri pomeriggio stavano allestendo i ragazzi di Emergency, guidati dal genero Maso Notarianni.

Sul palco a ricordare la figura della presidente di Emergency saliranno la figlia Cecilia, che aspetta un figlio, e il marito Gino Strada, poi l’amico di sempre Carlo Garbagnati, suo compagno di scuola e ora vicepresidente di Emergency. Ma parleranno anche il giornalista Gianni Mura, lo scrittore Erri De Luca, l’attore e regista Moni Ovadia, l’attrice Lella Costa. Sono attesi alla cerimonia molti dei 4mila volontari dell’organizzazione, e tanti fra gli 8mila che hanno fatto un intervento sul sito Internet di Emergency. Tra i messaggi di cordoglio arrivati nei giorni scorsi, dopo quello del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, anche quelli di decine le personalità istituzionali, di uomini del mondo dell’economia (anche su fronti contrapposti come Rinaldini della Fiom e il presidente della Fiat Montezemolo), gente comune.

Letizia Moratti ha scritto a Gino Strada: «La scomparsa di Teresa Strada mi riempie di dolore e di tristezza. È stata simbolo di generosità e di amore, straordinaria e incredibile impresa, per portare aiuto, e assistenza a chi soffre nelle realtà coinvolte da guerra e da povertà». Dopo il funerale, che durerà circa un’ora, la salma verrà cremata. Le ceneri verranno disperse nei prossimi giorni in un luogo a lei caro. La sua figura sarà anche al centro dell’incontro nazionale, in programma a Firenze dall’8 al 13 settembre, di tutti i volontari di Emergency, chiamati a una riflessione sugli obiettivi dell’associazione.
(04 settembre 2009)


--------------------
L'UNIONE FA LA FORBICE

L'importante è che tu non perda i capelli dentro


Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
l'animo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.
Ah l'uomo che se ne va sicuro,
agli altri ed a se stesso amico,
e l'ombra sua non cura che la canicola
stampa sopra uno scalcinato muro!
Non domandarci la che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo
PMEmail Poster
Top
 
Panda
Inviato il: Venerdì, 25-Dic-2009, 19:32
Quote Post


Obrero
****



Messaggi: 746
Utente Nr.: 715
Iscritto il: 19-Dic-2009



Weweeee!!! Parlate con una volontaria di Emergency che collabora con loro da 3 anni.
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
Massima stima al dottor Gino Strada, forse il più grande uomo a cui abbia mai stretto la mano. Bè, visto che ormai mi sento parte dell'associazione, grazie a chi ci aiuta!!!
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PACE
PMEmail PosterMSN
Top
 
Smotta
Inviato il: Giovedì, 18-Feb-2010, 15:10
Quote Post


Romero
*



Messaggi: 30
Utente Nr.: 726
Iscritto il: 17-Feb-2010



quando ci torniamo ai banchetti di emergency? cominciano a mancarmi le domeniche in via garibaldi con te e tutti gli altri
dobbiamo informarci
PMEmail Poster
Top
 
Panda
Inviato il: Giovedì, 18-Feb-2010, 16:08
Quote Post


Obrero
****



Messaggi: 746
Utente Nr.: 715
Iscritto il: 19-Dic-2009



Verovero! Anche a me!!
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

Ci si divertiva di brutto! E poi la taglia cercata era sempre quella in fondo allo scatolone!!
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

Domani chiediamo a Rosta magari...

..mi sa che stiamo andando un po OT..
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail PosterMSN
Top
 
alamierda84
Inviato il: Domenica, 11-Apr-2010, 12:26
Quote Post


The Spammer
********



Messaggi: 18479
Utente Nr.: 24
Iscritto il: 02-Ago-2006



Milano, 10 aprile 2010

Oggi pomeriggio uomini della polizia e dei servizi segreti afgani hanno fatto irruzione nel Centro chirurgico di Emergency a Lashkar-gah, nella provincia meridionale di Helmand. Tre dei nostri operatori, Matteo Dell'Aira, Marco Garatti e Matteo Pagani, cittadini italiani, sono stati prelevati attorno alle 16.30, ora afgana.
Non siamo finora riusciti ad avere un contatto telefonico con loro. Nell’unico contatto avuto con uno dei cellulari in uso ai nostri operatori ha risposto una persona che si è qualificata come ufficiale delle forze armate britanniche e che ha detto che gli italiani stavano bene ma che - al momento - non si poteva parlare con loro.
Altri cinque dei nostri operatori, tra cui quattro italiani e un indiano, sono al momento nell’abitazione dello staff internazionale e sono in costante contatto telefonico con il nostro staff a Milano.
Né le autorità afgane né rappresentanti della coalizione internazionale si sono messe in contatto con noi per spiegarci le ragioni di questo prelevamento.
Abbiamo appreso da un lancio di agenzia dell’Associated Press che alcune persone, tra cui cittadini afgani e “due medici italiani”, sarebbero state arrestate con l’accusa di avere complottato per uccidere il governatore della provincia di Helmand.
L’accusa ci sembra francamente ridicola e siamo assolutamente certi che la verità verrà presto accertata.
Fermo restante la libertà del governo afgano, delle forze di polizia afgane e dei servizi di sicurezza di svolgere tutte le indagini del caso, chiediamo l’assoluto rispetto dei diritti dei nostri operatori, locali e internazionali. Si tratta di persone che da anni lavorano, per assicurare cure alla popolazione afgana. Chiediamo pertanto di rispettare i loro diritti, per primo il diritto di comunicare con noi e farci sapere dove si trovano e come stanno.

Emergency è presente in Afganistan dal 1999 con tre centri chirurgici, un centro di maternità, una rete di 28 centri sanitari.
A Lashkar-gah, Emergency è presente dal 2004 con un centro chirurgico per vittime di guerra, che in questi anni ha curato oltre 66mila persone.

www.emergency.it
PMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
 
Panda
Inviato il: Domenica, 11-Apr-2010, 12:56
Quote Post


Obrero
****



Messaggi: 746
Utente Nr.: 715
Iscritto il: 19-Dic-2009



Qui a Torino si sta organizzando un corteo di solidarietà, appena so qualcosa di preciso vi informo... Probabilmente faranno lo stesso anche in altre città. Dal governo non ci si può aspettare nulla, per quanto possibile bisogna far qualcosa "personalmente".


--------------------

Un mare di gente
a flutti disordinati
s'è riversato nelle piazze,
nelle strade e nei sobborghi.
E' tutto un gran vociare
che gela il sangue,
come uno scricchiolo di ossa rotte.
Non si può volere e pensare
nel frastuono assordante;
nell'odore di calca
c'è aria di festa.

Peppino Impastato
PMEmail PosterMSN
Top
 
alamierda84
Inviato il: Domenica, 11-Apr-2010, 12:59
Quote Post


The Spammer
********



Messaggi: 18479
Utente Nr.: 24
Iscritto il: 02-Ago-2006



penso molto sinceramente che emergency per molti guerrafondai sia un bell'intralcio.... non mi aspetto molto dal governo vediamo
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
 
alamierda84
Inviato il: Domenica, 11-Apr-2010, 18:36
Quote Post


The Spammer
********



Messaggi: 18479
Utente Nr.: 24
Iscritto il: 02-Ago-2006



Afghanistan: Gasparri: "Emergency ha comportamento poco chiaro"

11 Aprile 2010 17:02 ESTERI

ROMA - Il presidente del gruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, ha detto: "Sul caso Emergency- Afghanistan il governo italiano deve intervenire, ma per le ragioni opposte a quelle citate da certi personaggi. Gia' in occasione di altre vicende emersero opinabili posizioni e contatti di questa organizzazione. Ora, che ci fossero armi in luoghi gestiti da questa gente si e' visto chiaramente su tutte le televisioni". E ha aggiunto: "Il nostro governo deve tutelare la reputazione dell'Italia che impegna le proprie Forze armate in Afghanistan e in altre parti del mondo a tutela della pace e della liberta' minacciate dal terrorismo. Chi dovesse vigilare poco, e siamo generosi a limitarci a questo, crea un gravissimo danno. Ci riferiamo ad Emergency. L'Italia non puo' essere danneggiata da queste situazioni. La nostra linea e' chiara. Quella di altri no". (RCD)

corriere

---------------------------------------------------------------------------------

posso dire che darei volentieri un cartone in faccia a gasparri?

scusate ma quando ci vuole ci vuole e che cazzo.
PMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
 
Panda
Inviato il: Domenica, 11-Apr-2010, 22:29
Quote Post


Obrero
****



Messaggi: 746
Utente Nr.: 715
Iscritto il: 19-Dic-2009



Sorvolo l'intervento di Gasparri...
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


Sottoscrivete l'appello IO STO CON EMERGENCY sul sito www.emergency.it
PMEmail PosterMSN
Top
 
alamierda84
Inviato il: Domenica, 11-Apr-2010, 22:31
Quote Post


The Spammer
********



Messaggi: 18479
Utente Nr.: 24
Iscritto il: 02-Ago-2006



Emergency: afghani, italiani confessano; Strada, è bufala

I tre italiani dell'organizzazione non governativa (Ong) Emergency arrestati dai servizi segreti afghani nell'ospedale di Lashkar Gah, nel sud del paese, "hanno confessato" le loro responsabilità nel complotto per uccidere il governatore della provincia di Helmand. Con il governo di Kabul che per tutta la giornata ha ridimensionato il ruolo di Marco Garatti, Matteo Dall'Aira e Matteo Pagani, è ancora l'entourage del responsabile provinciale Gulab Mangal a rilanciare pesantemente le accuse nei confronti dei tre italiani.

Secondo il portavoce di Mangal, Daoud Ahmadi, "tutti e nove gli arrestati hanno confessato, ammettendo che c'era un piano per compiere attentati suicidi negli affollati bazar e nel compound del governatore, che volevano uccidere". Più preciso Wahidhullah, un consigliere del responsabile della provincia di Helmand: "nel corso degli interrogatori, i contorni del complotto sono emersi con chiarezza, così come è emerso il fatto che per realizzarlo un italiano, Marco Garatti, avrebbe ricevuto denaro dai talebani".

Wahidhullah ha poi spiegato che il gruppo aveva mimetizzato armi ed esplosivo tra il materiale medico in una delle stanze dell'ospedale. "Il governatore - ha aggiunto - di solito si intrattiene con le vittime nell'ospedale di Emergency per portare assistenza e denaro. Era previsto che in una delle prossime visite, dopo aver lasciato le sue guardie del corpo all'esterno dell'ospedale, Mangal avrebbe trovato a sorpresa nella sala, dove erano ricoverati i feriti, i talebani armati per ucciderlo".

A complicare ulteriormente le cose arriva anche l'altra accusa, rilanciata dal sito online della Cnn: sarebbero loro ad aver assassinato Adjmal Nashkbandi, l'interprete del giornalista di "Repubblica" Daniele Mastrogiacomo rapito nella provincia nel 2007.

Emergency respinge tutte le accuse, liquidando le parole del governatore come una "bufala priva di ogni credibilità"."I nostri medici sono stati rapiti da Karzai" - ha attaccato il fondatore dell'Ong Gino Strada in una conferenza stampa a Milano - che ha avviato un'"operazione di guerra preventiva" contro un "testimone scomodo" come Emergency, "prima di dare il via ad un'offensiva militare in quelle regioni".

Gli ospedali di Emergency, è la tesi del suo fondatore, "danno fastidio non solo al governo Karzai ma anche all'Isaf, perché denuncia come la guerra al terrorismo stia in realtà facendo tantissime vittime tra i civili, soprattutto tra le donne e i bambini". Dunque "è tutta una montatura, con un regista - accusa Strada - che non è solo afghano".

------------------------------------------------------------------------------

di solito non sottoscrivo mai appelli..stavolta ho firmato!!
PMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
 
metiu
Inviato il: Lunedì, 12-Apr-2010, 17:24
Quote Post


Colega
******



Messaggi: 4171
Utente Nr.: 41
Iscritto il: 06-Set-2006



che schifo,altro che gino strada getta fango sulla coalizione,semmai è la coalizione che getta fango su emergency.che schifo.
E ancora peggio,il comportamento di Frattini,ma che cazzo,cos'abbiam fatto di male per meritarci dei ministri uno peggio dell'altro????????????
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (4) 1 [2] 3 4  Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 3.0292 ]   [ 21 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]